COME RIPORRE L’ABITO DA SPOSA a casa, dopo il ritiro in atelier.. IN ATTESA DEL GIORNO PIÙ BELLO!

L’avete fatto: l’abito da sposa dei vostri desideri è nelle vostre mani, pronto ad accompagnarvi all’altare e per tutto il giorno più bello.
Ora, il problema che si pone è: dal ritiro in atelier alla fatidica data di matrimoni, come riporlo e far sì che non si rovini in attesa di una giornata così importante?
Tra i tanti consigli che possono valere, uno su tutti è cercare di non schiacciarlo, rendendolo così impresentabile, proprio a partire dal momento che si esce dall’atelier e si carica l’abito da sposa in macchina.
Naturalmente, c’è un’apposita sacca per contenerlo, ma come lo si tratta, dall’inizio alla fine, ne può cambiare la storia ed il destino (grinze comprese, soprattutto in caso di un vestito in seta e di un tragitto di ritorno piuttosto lungo). Una volta arrivate a casa, care future sposine, il comportamento successivo dipende dal tipo di abito che avete scelto: se è un modello scivolato, dai fluidi e modesti volumi, potete appenderlo lasciando nella sacca, avendo, però, l’accortezza di estrarre la coda o lo strascico dalla zip, proprio perché non rimangano indesiderate pieghe.
Allo stesso modo, in presenza di un modello nuziale ampio e dalla gonna voluminosa e voluttuosa (a principessa, a sirena, a trapezio etc. che sia), è consigliato estrarlo dalla sacca, proprio per evitare che la gonna si schiacci e perda volume, magari reggrinzendosi inesteticamente.
All’avvicinarsi del grande giorno, magari al controllo finale, possono risultare qualche leggere pieghe: una veloce e delicata vaporizzazione con il ferro da stiro risolve il problema.

Lascia un commento